Avv. Annunziata Candida Fusco | Email: info@avvocatofusco.com | Tel. 3397586021
La riforma del Codice della strada procede spedita verso il traguardo

La riforma del Codice della strada procede spedita verso il traguardo

Nella seduta di mercoledì 27 marzo 2024 la Camera ha approvato il disegno di legge “Interventi in materia di sicurezza stradale e delega al Governo per la revisione del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285” (C. 1435-A) ad iniziativa del Ministro Salvini. Il testo della riforma ha ricevuto 163 voti favorevoli e 107 contrati. La proposta è passata al Senato dove si prevede un’approvazione senza ulteriori emendamenti.

La Riforma, fortemente voluta dal ministro Salvini e condivisa da automobilisti e forze dell’ordine, è stata invece aspramente criticata da associazioni ambientaliste, associazioni di ciclisti, quelle dei parenti di vittime della strada, da tutti coloro che sostengono la Città 30 e infine dai Comuni, che vedono a rischio il loro potere in materia di gestione della viabilità.

Ribattezzato “Codice della strage” da tutti i contestatori, in realtà il nuovo Codice dovrà attendere l’ulteriore integrazione ad opera dei decreti legislativi che verranno emessi in attuazione della delega al Governo affinché se ne possa valutare il reale impatto sulla collettività. Sicuramente, si potrà già fare una prima verifica della tenuta della riforma all’indomani dell’entrata in vigore della legge che sarà licenziata in Senato.

Si rinvia ai testi del DDL 1345 (Atto Camera) e al DDL 1086 (Atto Senato) per un confronto del testo originariamente presentato alla Camera e di quello poi licenziato dopo gli emendamenti intervenuti in sede referente.

leg.19.pdl.camera.1435.19PDL0055800

ddl 1086__436044

© Annunziata Candida Fusco