Avv. Annunziata Candida Fusco | Email: info@avvocatofusco.com | Tel. 3397586021
Con la mamma è diventata obesa e va male a scuola: bambina di 9 anni in affido super esclusivo al papà.

Con la mamma è diventata obesa e va male a scuola: bambina di 9 anni in affido super esclusivo al papà.

Il caso, riportato dai quotidiani di qualche settimana fa, si è svolto a Bari, dove il Tribunale ha pronunciato sentenza di divorzio (di cui non figurano gli estremi) con affido super esclusivo in favore del papà di una bimba di nove anni, dopo una causa durata oltre tre anni.
Il padre, che già faticava a vedere la figlia, lamenta, nel ricorso introduttivo e nel corso del giudizio, l’ostruzionismo della moglie nel farle vedere la figlia, che riusciva da ultimo a vedere solo pochi minuti all’uscita della scuola grazie alla collaborazione delle maestre.
Anche i servizi sociali investiti della vicenda facevano fatica a gestire il rapporto con la madre per assicurare un effettivo diritto di visita al padre. E la piccola, inizialmente protesa verso il padre, ha man mano assunto un atteggiamento oppositivo verso il genitore, manifestando addirittura un linguaggio “adultizzato” nei suoi confronti.
Purtroppo non è stato possibile reperire la sentenza integrale. Dai pochi passaggi riportati dai quotidiani si evince che la inidoneità della madre è stata valutata in base ad una serie di aspetti. Non solo la grande opposizione ad un sereno svolgimento delle visite con il padre, ma anche una eccessiva accondiscendenza verso le richieste della figlia o una incapacità a ponderare adeguatamente le scelte a lei relative.
Portarla spesso a mangiare panini nei fast food le ha provocato uno stato di obesità che rischia di compromettere la salute della piccola; trascurare di seguirla nei compiti ha fatto sì che la stessa restasse indietro sui programmi maturando notevoli lacune. Tutto ciò ha indotto il Tribunale di Bari a soluzioni davvero drastiche adottate tutte insieme: non solo l’affido esclusivo al padre, ma anche la temporanea sospensione del diritto di visita della madre, che comunque dovrà avvenire in maniera controllata e con l’intervento dei servizi sociali solo dopo che la stessa avrà effettuato un adeguato percorso di recupero psicologico; infine, la decadenza dalla potestà genitoriale.
Un duro colpo per la madre, ma, come pure si riporta, un inevitabile trauma anche per la figlia che comunque andrà sradicata dal contesto nel quale ha vissuto per essere trasferita presso il padre.
in mancanza della sentenza, si riportano i link ai quotidiani da cui è stata tratta la notizia e dove è possibile leggere alcuni stralci della sentenza.

https://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/bari/cronaca/22_marzo_31/bari-a-causa-madre-diventata-obesa-va-male-scuola-figlia-affidata-esclusiva-padre-8dab4694-b124-11ec-b739-ab6d18dd2a9d.shtml

https://www.ilmessaggero.it/italia/bambina_obesa_panini_bari_mamma_sentenza_cosa_e_successo-6602619.html

https://www.personaedanno.it/articolo/promessa-sposa-a-12-anni-il-tribunale-per-i-minori-di-lecce-toglie-la-potesta-alla-madre

https://www.personaedanno.it/articolo/tradimenti-coniugali-e-risarcimento-del-danno-pc

https://bari.repubblica.it/cronaca/2022/03/31/news/figlia_affidata_al_padre-343584876/

© Annunziata Candida Fusco

LE AREE DI COMPETENZA DEL NOSTRO
STUDIO LEGALE

Diritto di Famiglia
e delle persone

Contattaci per un primo parere gratuito 
Richiesta consulenza
close-link